PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

... anatomia di un.. tradimento.

Ce simme perzo
dint'a nu capriccio.
E mo?

Me lusingata
cu mille guardate,
oggi nu cumplimento,
dimane na n'duppata;
jorno pe jorno
o core te pigliato;
e vide mò
addò simme arrivati.

Stai ccà cu me
dint'a stu lietto e spine
a cunsumà chesta passiona nova;
strignut'a ttè
me s'arrevota ll'anema,
nun'arraggino cchiù,
te sento, e moro.

Nun te vestì, aspè,
statte n'appoco.
Stuta sta sigaretta
vai di fretta?
Dimme ca nun sò stata n'avventura,
a vita e primme, mò,
me fa paura.

Nun te n'ascì
ca è tutta colpa mia,
ca è a femmena ca crea l'occasione,
n'coppe a stù munno
nun ce stanno e sante;
e tienelo a mente
si tradisce in due.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Rocco Burtone il 27/06/2009 15:22
    Niente da fare... il dialetto aiuta e questa poesia è tutta da recitare. Quindi bella.
  • loretta margherita citarei il 06/06/2009 21:50
    mike, o tradimento è o tradimento a femmena ce stà ma anche l'omo poteva di de no,
    i peccati in due se fonno, nun tu scurdà, sei sempre forte in vernacolo, amico caro
  • Donato Delfin8 il 06/06/2009 21:10
    verissimo! molto bella
  • Anonimo il 06/06/2009 20:41
    wow... bella... e vera!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0