accedi   |   crea nuovo account

Vecchio vecchio vecchiosoli

Come son vecchio,
Come son vecchio,

potrei darmi delle gran pennellate

di colore vivo

sul corpo,

rimarrei sempre

come quel ramo

bruciato dal gelo

nell’orto.

scavare nella roccia dei miei pensieri

non servirebbe a niente.

io mi porto dentro

gli anni che non ho,

le lacrime mai versate,

le parole mai dette.

e voi ridete pure,

sciocche creature,

si,

io sono il vostro vecchio,

ma voi siete soltanto dei poveri pagliacci.

ricordate,
io posseggo la vostra anima.

potrei darmi delle gran pennellate

di colore vivo

sul corpo,

rimarrei sempre

12

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • mauri huis il 13/05/2011 18:48
    devo essere sincero: non la capisco fino in fondo, ma mi piace lo stesso. è grave?
  • Anonimo il 08/02/2010 22:31
    Poesia molto vera, un lamento in cui si sente la voce di chi lo pronuncia.
  • antonio castaldo il 09/06/2009 20:22
    è prendere dal di dentro cio che pesa... e sbatterlo in faccia a qualcuno...
    veramente bella... anche se è nata per essere una canzone. bravissimo!
  • loretta margherita citarei il 07/06/2009 13:22
    bella descrizione del proprio intimo io piaciuta
  • Fernando Biondi il 07/06/2009 12:41
    veramente bella ciao fernando

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0