accedi   |   crea nuovo account

Senza titolo

Una grande tristezza cresce dentro di me.
È l’ urlo dell’ Ippolito guerriero
Che fiero corre e ride delle schiere.
Tra queste corifee
pur una ci sarà,
che in alto il suo nome innalzerà.
È di Giobbe il grido di dolore,
che con affanno ricerca l’ amore,
una volta perduto e due volte trovato.
Oh potessi anch’ io levare in alto il mio canto,
e spezzare con la fidata lancia
i muri della tenebra nascosta.
E se di Teseo il pianto rimarrà,
spero in Dio
che come Giobbe anch’ io
mai più sola nella notte resterò.

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 20/02/2016 02:17
    ottima... complimenti.

5 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0