username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

ancöi l'è primavéra

co ‘l cör spinzà da l’àrfi
a sentir la voze tòa
recòrdi de sintéri
su ‘l vènt ensèma, erti

pò rogie su le galte
che enrugiolìš al sol
pitura sui recòrdi
de ‘ncöi, pensier selvadec’

bolìfe, sal che ‘mpìza
levade al ciel dal mànteš
dai serci ancor broènti
sul föc che mai no zéde

pò sùbit primavéra
profumo ‘n de i colori
canzon postade al réfol
che ‘l vis’cia dolc’ le galte

sfrizoni dent, ‘mpiantadi
‘n de l’anima, ligéri
crodadi gió da ‘n ala
solévi, piume mòrbie

l’ è paze a ‘n sgól cilènc’
che mai polsava cèt
e ancöi te gato chi
compagn de ‘n viac’ lontan

co ‘l tò soriso s’cèt
contarme sogni növi

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Giuliano Natali (Diaolin) il 20/09/2010 16:13
    le trovi lette qui:
    http://www. diaolin. com/
    grazie per il commento
    Diaolin
  • marilena il 20/09/2010 15:39
    mi piacerebbe ascoltarle lette da te ; vedi se riesci ad organizzarti con questo marchingegno o "sdegnoso diaolin"comunque bravo
  • Giuliano Natali (Diaolin) il 09/06/2009 08:12
    ci sono sempre solo che non mi piace molto questo marchingegno
  • loretta margherita citarei il 08/06/2009 16:01
    piaciuta ben tornato

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0