username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

il vuoto

È il niente il mio unico appiglio,
la tua mente impenetrabile
la mia unica fonte di salvezza.

E tocco l'aria impalpabile,
credo di raggiungere la meta,
un senso di sicurezza mi invade
sento nelle viscere tanta stabilità.

Ma se la mia mente lontano vaga,
se la tua immagine meno incombente diviene
sento di avere mollato la presa.
E sprofondo più giù
nella tenebre impenetrabili,
che mi butta giù,
giù e ancora di più.

Le mie forze si mettono in moto
per raggiungere lìirraggiungibile,
ma accanto a me solo incertezza,
solo tanta paura dell'ignoto.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Niccolò Stopponi il 21/09/2010 16:57
    il pensiero è interessante, ma non mi sembra proprio scritta così bene^^
  • Anonimo il 07/09/2009 15:31
    molto intensa mi piace la metto nei preferiti!!!
  • Cinzia Gargiulo il 09/06/2009 12:06
    Bella e sofferta!
    Ciao!...
  • Anonimo il 08/06/2009 22:41
    Cncordo con Loretta.
  • loretta margherita citarei il 08/06/2009 22:16
    molto bella scritta bene

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0