accedi   |   crea nuovo account

Petali e Spine

Stremata

Il volto adagiato
sul cuscino di rovi

Affondano le spine nella carne

Lacrime di sangue dense
screziano le bianche camelie
che ricoprono
questo letto immaginario

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • Anonimo il 06/06/2011 19:12
    Pungente
  • Len Hart il 14/09/2009 09:13
    great!!!
  • nemo numan il 01/09/2009 04:42
    bellissima
  • augusto villa il 28/08/2009 14:33
    Stremata dalla vita... che tutto sommato è uno spettacolo... Come quelle camelie screziate... Bella Bella!!!
  • Anonimo il 27/07/2009 18:29
    Mi è piaciuta
    complimenti
    .. emy
  • Giuseppe Bellanca il 14/07/2009 15:12
    la sera mangia leggero... pastina...... bella poesia
  • Debora Di Mo il 11/07/2009 18:40
    forse...
  • Rocco Burtone il 11/07/2009 14:38
    è bella, forse troppo romantica. È bella, forse troppo rosa. È bella, forse...
  • Debora Di Mo il 07/07/2009 17:44
    Ne' sogno ne' incubo...
    Ne' sonno ne' veglia...
    al massimo un riposino... ahahahah!!!
  • Anonimo il 06/07/2009 21:09
    Deb... ma questo non è un sogno... è un incubo Bellissima poesia, ma son d'accordo con Max, meglio rimanere svegli!!
  • Anonimo il 06/07/2009 00:14
    meglio, meglio rimanere svegli.
    non assopirsi.
    strepitosa, veramente.
  • Anonimo il 18/06/2009 19:58
    Bellissima... un dolore sche si avverte... pungente!
  • antonio castaldo il 18/06/2009 19:40
    bellissima! me la tengo. kiss
  • Dorian Di il 09/06/2009 23:22
    Per "colpa" tua... il mio primo acrostico!
    Che me tocca fa pè commentà!
  • Dorian Di il 09/06/2009 23:21
    Sopita,
    Palpita piano
    Il seno bianco.
    Neve calda e freddo sangue
    Estinguono i pensieri.

    D.
  • Luigia R. T. il 09/06/2009 15:53
    Spesso nel momento del dolore, quando "affondano le spine nella carne", ricordarsi del tempo felice... il tempo delle "bianche camelie", non è motivo di sollievo ma di "lacrime di sangue dense", perché il confronto tra ciò che è e ciò che è stato e non è più... accresce e rende più insopportabile la solitudine.
    Sempre le tenebre sconvolgono di più quando si è conosciuta la luce!
    Un saluto ed un augurio!
    Luigia
  • Fabio Mancini il 09/06/2009 13:34
    Molto bella l'ultima strofa. Fabio
  • loretta margherita citarei il 09/06/2009 13:14
    l'ultima strofa è folgorante bellissima
  • Cinzia Gargiulo il 09/06/2009 11:12
    AHI!!... Che dolore col volto sui rovi!... Scherzi a parte, bellissima poesia!
    Un abbraccio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0