accedi   |   crea nuovo account

Domande

Vorrei chiederti,
se ami i Beatles.
Vorrei chiederti,
se credi in Dio.
Vorrei chiederti,
se mangi carne.
Vorrei chiederti,
per chi voti.
Vorrei chiederti,
per chi tifi.
Vorrei chiederti,
che tipo di musica ascolti.
Vorrei chiederti,
il nome del tuo attore preferito.
Vorrei chiederti...
tante cose!
Ma te ne chiedo solo una:
me la dai?

 

1
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 04/06/2012 16:37
    ... direi che quello
    è il succo della vita,
    piaciuta.

9 commenti:

  • augusta il 14/03/2012 17:47
    dai non male questa tua... la chiusa...è bellissima
  • Anonimo il 10/06/2009 16:35
    Molto poco dannunziana, direi
  • Cinzia Gargiulo il 09/06/2009 23:21
    Come dire: "Inutile perdersi in chiacchiere e andiamo al sodo"...
    Particolare!
    Ciao...
  • loretta margherita citarei il 09/06/2009 21:04
    dannunziano benigni ci fece una trasmissione con la carrà, califano poi ci scrisse cesira ricordi come finiva? sentilo ed avrai capito il mio commento
  • Dannunziano _ il 09/06/2009 20:38
    Certo! Poesia non è solo quella romantica! Leggiti Belli oppure Cecco Angiolieri..
    Ecco un famoso sonetto di Belli.
    Er padre de li santi di Gioacchino Belli

    Er cazzo se po' dì radica, ucello,
    Cicio, nerbo, tortore, pennarolo,
    Pezzo-de-carne, manico, cetrolo,
    Asperge, cucuzzola e stennarello.

    Cavicchio, canaletto e chiavistello,
    Er gionco, er guercio, er mio, nerchia, pirolo,
    Attaccapanni, moccolo, bruggnolo,
    Inguilla, torciorecchio, e manganello.

    Zeppa e batocco, cavola e tturaccio,
    E maritozzo, e cannella, e ppipino,
    E ssalame, e ssarciccia, e ssanguinaccio.

    Poi scafa, canocchiale, arma, bambino,
    Poi torzo, cresscimmano, catenaccio,
    Mànnola, e mi'-fratello-piccinino.

    E te lascio perzino
    Ch'er mi' dottore lo chiama cotale,
    Fallo, asta, verga e membro naturale.

    Quer vecchio de spezziale
    Dice Priapo; e la su' moje pene,
    Segno per dio che nun je torna bene.
  • Sarah K. il 09/06/2009 20:02
    e la chiami poesia?
  • Giuseppe Bellanca il 09/06/2009 18:44
    Inizialmente pensavo che eri un giornalista... poi però... simpatica... ciao
  • Anonimo il 09/06/2009 18:42
    ehmmm... troppe domande...
    carina...
  • Fabio Mancini il 09/06/2009 18:32
    Grande momento poetico, sganciato dal solito pragmatismo sessuale. Piaciuta, ma troppo sdolcinata. Ciao, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0