username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ladri di spazi

mi
Son
Finiti
Gli
Spazi
non
Più
Aria
Per
Respirare
mi
Stringo
E
Mi
Riduco
ma
Non
Ho
Lo
Spazio
Mio
Vitale
lasciatemi
Stare
Non
Riesco
Nemmeno
A
Ragionare
datemi
Lo
Spazio
Che
Rubato
Avete
con
Tutte
Quelle
Storie
Di
Democrazia
mi
Avete
Conquistato
e
Poi
Inculato
scusate
Le
Volgarità
ma

12

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 14/06/2009 10:35
    I tuoi versi mi stanno rubando la vista.
  • giuliano paolini il 14/06/2009 10:24
    lo spazio è ciò che senti nel cervello il limitatore di velocità è lui che controlla decide seziona ed inevitabilmente uccide tutto dagli una strigliatina e digli che è tempo che vada in pensione e lascia che la vita, il movimento totale dell'universo ti invada e decida quel che gli pare così tu scompari come identità ma attraverso di te il tutto esplode e sarai una fantastica vetrina di magia
  • Vincenzo Capitanucci il 14/06/2009 10:10
    Stretto... come una alice in scatole... o come una supposta-siluro... in stiletto...
    certo m'avete ben fregato... con la vostra demo---di democrazia...
    ci stanno rubando l'ultima goccia di sangue...
    bravissimo Cesare...
  • Anonimo il 14/06/2009 01:01
    verità in versi originali
  • loretta margherita citarei il 13/06/2009 21:57
    sorbole cesare non in largo ma in lungo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0