PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

a legge pe li clienti de le maddalene su la strada

Appena ministra è stata numinata
a Carfagna,
starnazzanno in pompa magna,
ha vuluto condannà
chi a vita su e strade fa.
Dice tutta cumpassata
che e puttane so sociale allarme
e che ce vole er gendarme
pe arrestà
sia a battona che er cliente che ce va
Ma sel’omo
de a virilità fa sfoggio
annanno da chi fa nell’alloggio,
allora po’ trombà senza paura,
a legge, protezione
j’assicura.
Secondo lia, ne l’appartamento
nun ce sta lu sfruttamento,
quelle nun subiscono più a minaccia
sparisce a figura der magnaccia.
La mignotta sulla strada più non se vede,
è contentu pur er prete,
nun vedè che la donno via,
è signu de gran morale e pulizia.
Me vien da di a sta pia donna
se der tempo che fu, s’arcorda,
mo dice che è illibata,
na donna in pulitica impegnata,
che odia a prostituzione,
nun capisce le battone
che la donno pe quattrini.
S’arcorda lia der misero bikini,
der corpo suo nudo fotografato
e quanno co li calendari
ha guadagnato?
Se corrette so le fonti,
de clienti sporcaccioni,
so più de nove mijoni,
e che fa, li processa tutti quanti,
li mette in galera coi lestofanti?
Ma che scherzamo,
co le tasse i processi nui pagamo
e non tutti copre er lodo Alfano.
Ma su via ministra nun scherzamo,
mejo a sto punto
riaprì i casini,
prima che ce pensasse a Merlini.
Speramo che questo nun farà,
quello de mette sui genitali
dei clienti affezionati
li elettronici bracciali.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Giuseppe Bellanca il 17/06/2009 17:33
    La verità non è mai quella che noi vediamo purtroppo l'evidenza dei fatti è che la società si divide in moralisti e falsi moralistie e indifferenti, per non parlare dei politici che sono spesso coinvolti in scandali di qualunque genere; ma la realtà dicevo è un'altra è il giro d'affari che c'è dietro che sconquassa gli equilibri creando pericolo anche quando non si vede... per non parlare anche del facile guadagno che loro hanno e che a volte anzi spesso fanno uscire fuori dal lecito anche i rapporti che loro hanno con i clienti... tutto questo è un discorso molto complesso che trova anche tante divergenze d'opinioni... ma ovviamente non possiamo farne un discorso qui... parlando invece della tua poesia la trovo molto bella armoniosa e di una simpatia davvero eccezzionale ti ringrazio per averla scritta... un abbraccio Giuseppe. ciao.
  • Vincenzo Capitanucci il 16/06/2009 07:44
    Un problema antico come il mondo... un bene ed un male necessario... una valvola di sfogo d'impulsi sessuali... in una società ed in un essere perfetto... la prostituzione... non esisterebbe...
    quelli che sarebbero da eliminare... sarebbero i magnacci... che obbligano molte donne a farlo...
    se riapriamo i casini... è lo stato che diventa magnaccio... già è magnone...
    ormai per proporsi... in appuntamenti... c'è internet... non c'è più bisogno della strada... pericoli al buon gusto... e cause d'incidenti... sulle nostre statali...
    si anche dal governo... ci sarebbe tanta gente da eliminare... che al bene del bel paese.. preferiscono le loro tasche...
    che formaggio...
    Stupenda poesia... L'or... piena di verità... trattate sempre con una vena sapiente... di ironia...
    elettronici bracciali... tassametro... per un controllo... di tasse... in nuove entrate...
  • Anonimo il 15/06/2009 22:23
    condivido in pieno quello che ha scritto il signor Mancini, tranne che per il suggeritore invisibile.. perchè tanto invisibile non è, anzi, è fin troppo invadente.
    È cosa comune purtroppo che i peggiori moralisti siano quelli che dovrebbero a maggior ragione stare zitti, proprio per passati non proprio edificanti.
    Non è una colpa un calendario, anche se personalmente non approvo, la colpa è quella di puntare il dito su quelle donne che a questo punto si guadagnano da vivere in maniera più onesta della signora in questione.
  • Anna G. Mormina il 15/06/2009 21:39
    ... troppo forte Lory, ma come ti vengono?????
    ... bravissima!
  • Dolce Sorriso il 15/06/2009 20:21
    troppo forte!
    brava Lori
  • Fernando Biondi il 15/06/2009 14:54
    sei grande loretta, umorismo e realtà in una memorabile poesia, un bacio fernando
  • cesare righi il 15/06/2009 14:35
    insuperabile, super nei bracciali, ma quante taglie se ne dovranno fare...
  • Anonimo il 15/06/2009 14:02
    verità in una pregevole poesia
  • Anonimo il 15/06/2009 13:35
    In realtà credo che ci sia un sottofondo "alla Claudia Koll", sempre suggerito dal gobbo però. La poesia è intrigante, apre un dibattito, pensavo agli anelli elettronici ehehehe
  • Fabio Mancini il 15/06/2009 12:25
    La Carfagna non è l'unico, né l'ultimo, esemplare dell'evoluzione della "donna Sapiens" che di sapiens conserva poco. Nota ai camionisti di tutta Italia per i suoi calendari e dopo aver fatto eccitare la fantasia erotica del maschio della fragaria, la Carfagna una volta indossato il gessato ed i tacchi a spillo con il plantare rialzato, ha iniziato la sua campagna moralista e razzista nei confronti della prostituzione da strada, dimenticando però il suo "nobile" passato. Mi sembra però fuor di dubbio che tutto ciò che dice la Carfagna le viene suggerito da un regista invisibile, come quando si va al teatro, c'è il suggeritore pronto ad aiutare l'attore in difficoltà, nel caso della Carfagna il suggeritore suggerisce tutto il copione che il ministro "deve" ripetere, senza fare errori, o divagazioni sul tema. A mio avviso la Carfagna è uno di quegli esempi trasparenti e lampanti della nostra mignottocrazia che premia le donne chi più si sacrificano per il bene ed piacere dei nostri uomini politici. Il futuro per il momento, può anche attendere... Ciao, Fabio.
  • Donato Delfin8 il 15/06/2009 11:27
    fantastica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0