PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

absurdité-e

Densa come schiuma,
crema in fondo agli occhi,
e si perde, dignità di un futuro scritto a piccoli caratteri.
Marchio di fabbrica di un carillon,
senza carica.
Risuona nei ricordi l’amara consistenza di un gioco di sguardi.
La notte non disdegna un amante in più,
madido ormai nella stretta del giogo rosa,
rubato alla vanità.
Nonsenso di un teatro monotematico,
abbasso le tende e mi inchino.
Spettatrice di me stessa

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Donato Delfin8 il 17/06/2009 01:06
    molto bella
  • Aurora F il 16/06/2009 11:04
    la notte è sempre amica grazie ancora
  • Vincenzo Capitanucci il 16/06/2009 07:02
    Splendida... la notte non disdegna... un Amante in più...

    Uno spettacolo...
  • Adamo Musella il 15/06/2009 21:40
    Un singolare spettacolo... la nostra coscienza in scena, bella Aurora, baci
  • Fernando Biondi il 15/06/2009 20:07
    bellissima, non ho parole, che possano descrivere quanto è balla bravissima fernando
  • Aurora F il 15/06/2009 19:58
    grazie. di cuore.
  • loretta margherita citarei il 15/06/2009 19:50
    straordinariamente bella
  • Anonimo il 15/06/2009 15:22
    Bellissima, parole speciali...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0