PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La catarsi del dolce inganno

I

Come campana
crisalide
avvolge
una voce
notturna
che ama.
Non c’è spazio
tra torme di salme
d’ipocrite
scimmie
occasionali
per chi
non ha maschera
e accetta
il piscio
putrescente
e, prono,
a nulla ambendo
crede
non aspettare
null’altro
che tormenti
anali,
null’altro
che chiodi
e lo sprizzare
del polso suo sangue
su croci
erette al cobalto
oscurato
da nembi iemali
di basalto.

II

Il corvo
gracchia
beffardo
e deride
la purezza
di quella voce
che tenta
d’afferrarlo
con acuti
invano.
Prona è la schiena
ma l’occhio
continua a scrutare
alto

123456

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Aldo Occhipinti il 19/06/2009 22:30
    grazie Vincent, davvero
  • Vincenzo Capitanucci il 17/06/2009 11:07
    Caustica...
    mordente pungente... sfrontata... amorevole... in poche parole l'Aldo... che conosco..
    Bellissima Aldo... rinasciamo in catarsi... nel Giorno... poi si vedra...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0