accedi   |   crea nuovo account

Donna è.. Uomo è..

Di me stessa, madre e figlia.
Prospettiva al contrario di un mondo che c'è.
Sapore della luna. Di latte gonfia, e mangiata dal cielo.
Completa. Come il gioco tra la notte e il giorno,
tra l'addio e il vagito.
Fortuna dei miei occhi e delle mani.
Irrinunciabile miele del mio essere qui.



Corpo ruvido e dolce sotto mani rugose.
Un gioco senza regole,
Battaglia. Imprescindibile.
Un morso alla metà della mela,
quanto mai dolce, quantomai nauseante.
Universo dai confini smossi, facile penetrazione
apparente.
È il contrario dell'inverso.
Paradossalmente irrinunciabile.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Doriano Aquino il 28/04/2012 11:42
    Molto bella, complimenti.
  • Cinzia Gargiulo il 17/06/2009 08:24
    Due facce di una stessa medaglia che servono a formare l'unità.
    Brava!
    Ciao...
  • Adamo Musella il 16/06/2009 23:28
    Interessante confronto tra notte e giorno, tra sole e luna... due facce della stessa medaglia, molto bella, brava Aurora, baci
  • Aurora F il 16/06/2009 21:34
    merci à tous
  • loretta margherita citarei il 16/06/2009 21:25
    ben scritta brava
  • Anonimo il 16/06/2009 21:12
    Piaciuta.
  • Fernando Biondi il 16/06/2009 20:52
    una grandissima verità, messa in versi, bravissima un salutone fernando
  • aleks nightmare il 16/06/2009 17:28
    Bella analisi, piena di verità!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0