accedi   |   crea nuovo account

A Sara

Che bello guardalla,
sdraiata drento a letto,
mentre se lagna,
te soride o fa
n’versetto.

A aspettalla
C’è voluta pazienza,
io e la Madre;
tra le paure, li pensieri
e la speranza.

Ma mo che è arrivata,
nun c’è ricordo de na pena,
te passa tutto,
vedennola serena.

Pe sto capolavoro,
quanti baci, quante carezze,
ce l’avemo messa tutta,
preganno ner core de daje certezze.

E nun ce importa
Niente de faticà
O si nun ce stanno li quattrini.
Noi se strignemo più forte
E stamo ancora più vecini.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 22/08/2013 11:21
    Molto piaciuta... complimenti.

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0