PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'eredità

Nennè, tu nun si bona,
si bambola e cartone;
si senza sentimenti
tien'o core chino e niente.

Pass'e jurnate sane
a te guardà in't'o specchio,
a te pittà chill'uocchi
e na jattella morta.

Vuò fa a sofisticata,
t'a pienze,
si sciantosa,
comme si chella cosa
l'avisse solo tu.

Quanno facimm'ammore
nun t'abbandune mai,
pienz'a pettinatura,
o trucco ca s'è sbava;
tu si nu cazzo e guaio
nun te supporto cchiù.

Io ho saccio,
a colpa è tutta e mammeta
c'ha fatto chistu "mobile".
Cu tanta pretendenti
stà ricca eredità
just'a mmè l'era lascià?

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0