PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

U curtigghiu_1

Cummari Francisca,
che vuliti ‘mmari Santa,
a vuliti sapiri ‘na cosa,
ma vaia lassatimi stari
haiu a testa china di cosi
che mancu li cani ne vonnu,
ma si, dicitimi tantu
una i chiu o una i menu
u stissu ièdi.
L’autru aieri u sapiti
a mia mu dissiru, ma
nun cia mettu a manu ‘nto
focu, ma Peppe si vasava
cu Cammela a mugghieri
di Vanni,
pi carità lassatimi iri
sti cosi ni vogghiu sapiri,
me ‘nne vaiu bi salutu
cummari Santa.
‘Mmari Giuvanna,
chi c’è ‘mmari Francisca,
u sapiti, visteru Peppe
‘nto giardinu i vostru
frati tuttu nudu ca
mugghieri di vostra
cummari Santa che
ni faciunu i tutti
i culuri,
pi carità
nun ci diciti nenti
a nuddu ah, bi salutu
‘mmari Giuvanna.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Giuseppe Bellanca il 04/07/2009 22:23
    ci avissiru tagghiari sta lingazza... ahahah...
  • Anna G. Mormina il 04/07/2009 22:15
    ... poviru Peppi... povira Cammela!!! ... mii chi lingui longhi!!!
    Divertentissima Giuseppe, e tu molto bravo!
  • Giuseppe Bellanca il 04/07/2009 21:57
    grazie flò - Cinzia e Ignis...
  • Anonimo il 21/06/2009 12:28
    bravo Giuze...
  • Cinzia Gargiulo il 21/06/2009 11:57
    Simpaticissima poesia!!! Ma che tremende 'ste comari! Fanno taglio e cucito!!!...
    Io bravissima, capito pure questa tutta da sola... Eh, si è!!!... Parola di monella!!!
    Ciao Giusè...
  • Aedo il 21/06/2009 10:29
    Bravissimo, Giuseppe. Non è facile scrivere in siciliano. E poi la poesia è veramente simpatica.
    Buona domenica
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0