accedi   |   crea nuovo account

A mi Padre

Ma te l’aricordi quante vorte,
m’hai preso a cavacecio,
gni vorta era na giostra,
pe me eri er più forte.

Guardatte ritorna,
gni vorta na storia nova,
co l’occhi brillarelli,
me davi n’artra prova.

E io orgoglioso e fiero,
devo da esse degno,
“mi padre è n’eroe”,
davvero me ce impegno.

Eppure nun c’è verso,
ai voja a usà er cervello,
te m’arisposti er limite,
ma mica è n’duello.

Quello c’avevo dà fa,
pe esse fio, lo dato,
te chiamo papà,
da quanno che sò nato.

C’avrò la testa dura,
ma puro questo è natura,
dice chi và co lo zoppo,
je cambia l’andatura.

Perciò quello c’ho da dì,
nun è che sei te che sei sbajato,
ma penso che chi vò n’fio,
se tiè quello c’ha creato.

Perciò quello che ho avuto,
me resta drento ar core,
scenno da cavacecio,
e mo comincio a core.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • claudia checchi il 28/06/2008 17:19
    molto emozionante --
  • Argeta Brozi il 21/08/2006 11:37
    Ho fatto un po' fatica a capire la poesia, lo ammetto, ma se scritta col cuore va sempre bene.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0