accedi   |   crea nuovo account

Ti amo

Ti amo,
parola n’zozzata dar fumo de
na sigaretta,
buttata n’cucina,
preparanno na macchinetta.

Scritta da n’poeta
all’amata,
detta dar carzolaro a na
scarpa a risolata.

Guardanno na partita,
de la squadra adorata,
strignenno er volante,
de la machina sognata.

Ti amo,
de l’amanti appassionati,
detto dall’avari,
a li sordi a ricontati.

Ti amo,
l’ingordo a la torta,
lo dice er carcerato,
a l’uscita da la porta.

Persino er monnezzaro,
davanti a lo stipendio,
lo canta er cantatore,
ma pensanno ar compendio.

Ti amo detto a te,
come fosse la prima vorta,
perche così è,
finche nun sarai morta.

E puro all’artra parte,
guardanno er cretore,
je ripeterò, ti amo,
spiegannoje l’amore.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0