PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non c'è niente da ridere

Cerco un senso alla mia vita nell'animo altrui,
nelle loro debolezze,
nel loro bisogno di aiuto e di conforto.
Ma dentro di me c'è solo buio, morte, marcio.
A nessuno interessa, la gente vuole essere felice,
vuole ridere,
vuole vivere solo cose belle, e così sia.
Anche io lo volevo ma non mi è riuscito.
Continuerò ad essere il pagliaccio di sempre che con una parola buffa e il sorriso sempre in faccia
cela la propria amarezza e migliora la vita delle persone.
Finchè' un giorno non ci saranno più circhi dove esibirsi
e i bambini non rideranno più.
Sarà allora che toglierò' la maschera e i larghi vestiti per prendere il mio posto,
quello destinato a chi non ha più nulla da dare e niente merita dal fato e dal mondo.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 20/05/2011 09:13
    il sendo commento è voluto non è uno ssbaglio... ho riletto la tua poesia
  • Anonimo il 20/05/2011 09:12
    continua a cercare Sad... si è vero la gente non è attenta ai dolori degli altri... anzi se può li allontana... ma non sono tutti così... c'è nache chi ti tende una mano... bellissimo il tuo scritto complimenti carla
  • Anonimo il 02/04/2011 07:51
    i bambinni ci sono sempre... ed il loro sorriso è sincero... non come quello dei grandi... molto bella sad compllimenti
  • Alfredo Potassio il 22/03/2011 21:02
    Questa poesia è come se l'avessi scritta io.
  • denny red. il 17/07/2010 03:55
    sad, poesia molto bella! ben scritta!! poi.. tu sei il pagliaccio, tu decidi!!
    bravo!!
  • Maria Rosa Cugudda il 16/07/2010 23:18
    andare sempre avanti, tanto la vita non ti aspetta!
  • Anonimo il 23/06/2009 14:11
    Solitudine e tristezza, chi nn ci passa? Sembra che gli altri siano tutti felici, perfetti, appagati. Poi ti accorgi che tutti hanno debolezze più o meno gravi e che, forse, condivise, perdono un po' della loro gravosita'.

    Bellissima.

    1 saluto
    Monica
  • loretta margherita citarei il 23/06/2009 13:36
    adoro i pagliacci bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0