accedi   |   crea nuovo account

Tristezza

Ripenso ai giorni in cui,
i cuori allacciati,
ogni attimo era un brivido,
ogni carezza un passo
verso il cielo,
e il sole splendeva
sui nostri sorrisi,
anche nelle giornate uggiose.
Oggi il sentiero
della mia vita
è minato, e ad ogni passo
i dubbi mi attanagliano
le membra,
mentre un oceano
di lacrime e sangue
sgorga inesorabile
dai miei occhi ormai spenti.
La felicità è divenuta
parola vuota
e senza senso,
come questa mia vita
folle di malinconia,
e il domani vomita tristezza,
come avvelenata
da un amaro dolore
che, sordo e cieco,
si insinua strisciante
nell'anima
e mi trascina nel baratro
di un'esistenza
colma della tua assenza.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Sandrino Aquilani il 23/12/2009 16:08
    Ricordo di avere scritto che "la felicità è un sentimento non una condizione", è un volo d'azzardo ma in ogni caso si rischia di romperci l'osso del collo (in questo caso dell'anima). Il dolore è la fonte di ogni bella poesia. Aggiungo i miei auguri per te.
  • Mario Petta il 09/08/2009 17:54
    Grazie a tutti per le parole di apprezzamento Gentilissimi!!!! Susanna, i contrasti sono l'essenza dell'amore, e allora una poesia sull'amore deve per forza vivere di contrasti, almeno io la vedo così. Grazie per le belle parole
  • Susanna Contadin il 07/08/2009 15:15
    Molto bello il gioco dei contrasti: il sole nelle giornate uggiose, l'esistere colmo di un'assenza... Mi è piaciuta molto.
  • Vincenzo Capitanucci il 24/06/2009 09:49
    Struggente... Mario... bellissima... nel suo dolore... d'assenza...

    Assenzio dell'Anima...
  • Giada.. il 23/06/2009 14:31
    bella e sofferta..
  • Anonimo il 23/06/2009 14:09
    dolore provato... emozioni che vibrano nelle parole e nelle immagini... molto bella
  • Mario Petta il 23/06/2009 14:00
    hai ragione chocolat, dovrei imparare anch'io a vivere così, ma come diceva Oscar Wilde: "È un peccato che noi teniamo conto delle lezioni della vita soltanto quando non ci servono più a niente"...
  • loretta margherita citarei il 23/06/2009 13:26
    comprensione al massimo, vvicenda vissuta bella
  • Donato Delfin8 il 23/06/2009 13:09
    Piaciuta.
    Ti capisco perfettamente.
  • Chocolat Noir il 23/06/2009 12:17
    coraggio! Bisogna imparare a vivere per se stessi, così che quando un altro ci sarà vicino, gioiremo dell'amore e non del bisogno. Te lo dico per esperienza...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0