accedi   |   crea nuovo account

Le lunghi notti del poeta

Nel vento freddo, che spira come diavoli
accecati da sete di vendetta e risalita
i suoi occhi tenui e straziati fermano
l'istante...

lo trovano accorpato alla pareta
stanco e abbattuto
dai continui fischi
che non fanno dormire
le sue migliori ambizioni

Le gioie trasformate in angosce
tenebrose scalfiscono le certezze
e la nullità del pianto
non può niente, continuando
l'incubo fino all'alba

Le sue ali sono fatte di carta
non esiste l'uscita
dal labirinto del terrore
creato
dai suoi mostri
piu' intimi

dal mostro
che è dentro di lui...

Accrescono come fiumi
nella pioggia invernale
e mutano forma e sembianza
per insediarsi nei suoi pensieri

Strazio anche quando la fine sembra vicina
la liberazione sembra solo l'auto-cannibalismo
orrore
ciò che dava gioia, ora uccide
come presentimento di morte
nella caccia selvaggia.

La prigione privata fatta di lettere
ricorda la notte trascorsa
il peggiore degli inferni
non ha finito la sua trama

e così, le lunghe notti passano
senza neanche dare sollievo
solo tentazione ed assuefazione
per cancellare
quello che più bello è diventato
scomodo...

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Dolce Sorriso il 24/06/2009 15:40
    bella!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 24/06/2009 09:11
    Le Horla... il mostro che è dentro di lui... che l'accompagna... nelle visioni delle sue notti...

    Bellissima Aleks... nel tuo stile... particolare... originale... che amo tantissimo...
  • Anonimo il 24/06/2009 00:32
    atmosfera cupa e feroce... la notte come momento di verità ... dove gli orrori di una vita... i fantasmi interiori... come creature maligne assalgono l'animo sensibile del poeta... forse in un primo momento la paura e la sua fragilità possono cadere nel tranello del terrore... ma ciò che conta è che un poeta traghetterà sempre ogni sua sensazione in parole da incorniciare sul foglio ancora vergine... l'animo del poeta si nutre di tutto e di nulla
  • Fernando Biondi il 23/06/2009 21:46
    a volte anche ciò che è più bello diventa scomodo verissimo.
  • loretta margherita citarei il 23/06/2009 21:41
    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0