PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Saturno

Entra qui,
nell'oscurità di
Saturno...
Per noi non è mai troppo inverno,
quaggiù,
solo più in là
e sulla carta.
Io cammina
per strade stipate
in città di mercato,
sommerse da Io.
Vuoi venire anche tu?
Prova a scioglierti
con furia,
a non lasciarti inghiottire
come un pulviscolo
in pugno,
Saturno…
Per noi non è mai troppo inverno,
quaggiù,
e la pioggia batte
solo sulle spiagge.

Maledetto io?
Maledetto tu!

Nel paese del faraone
bramavamo spirito,
terra, acqua
e immensa saggezza,
la nostra stella: il tutto nell'uno;
la nostra stella: il tempo perduto.
Io sa di sputo
sulle facce di Io
nelle strade affollate
in città di cumignoli,
anch'esse sommerse.
Dai, non dire no.
Supera Plutone
e tutti i fratelli
con o senza anelli,
inghiotti Sole
e le altre stelle,
i tetti e le cupole
e tutte le costrizioni
quaggiù,
Saturno


Maledetto io?
Maledetto tu!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Floriano Crescitelli il 22/09/2009 16:34
    Musicale, fantasiosa, piacevole
  • Vincenzo Capitanucci il 24/06/2009 08:09
    Ca tourne... direbbero in francese... nel senso che tutto va bene,... fra gli anelli di sa-turno...

    male-detti... bene-detti Tutti...
  • Linda Tonello il 23/06/2009 23:47
    Eh si, se si dovesse vivere sulla Terra come vivevano gli antichi Egizi... sarebbe un po' più bello per tutti...
  • Anonimo il 23/06/2009 23:41
    Saturno nella credenza popolare ha sempre rappresentato una dimensione di mistero negativo quasi una sorta di superstizione... un mistero affascinante nella sua ambiguità, ma tu in questa poesia lo hai trasformato in una meta da raggiungere una meta che interseca bene e male... vizio e virtù... è come se tu volessi entrare in questa dimensione rinnegando la realtà che ti circonda forse artefatta e molte volte bugiarda... con la speranza di vedere la contingenza con nuovi occhi... davvero pregevole il ritmo che hai dato alla tua composizione una sorta di invito al lettore ad intraprendere questo cammino quasi a voler raggiungere una sorta di pace intima... emblematico il finale racchiuso nella durezza del termine "maledetto"... letta più volte, piaciuta... 5 stelle

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0