accedi   |   crea nuovo account

Umiltà

Avendo incontrato Uomo di Cultura,
(UdC)
rimasi ad ascoltare,
ore!
Ascoltavo attento e non capivo,
giri astrusi di asserzioni,
latine citazioni e retorica Romana.
Disturbò Catone dal suo eterno sonno,
e io, mi addormentai.
Svegliato da un gomito cattivo,
ritornai attento e fissandolo negli occhi
fingevo di comprendere.
Poi improvvisamente da quegli occhi
una luce, spenta e opaca,
quando, terminata la lezione, nessun applauso,
ma tanta delusione.
Un po’ impietosito ho finto di capire,
e le mani ho chiuso in un applauso.
La folla divertita, Lui indispettito,
mi ha guardato e con aria da padrone
ha asserito:
sei un coglione!

Io?

Credevo, nella mia banale ingenuità,
che la cultura fosse figlia unica
di una vera e sana umiltà.
Ah, ah!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Dolce Sorriso il 25/06/2009 12:28
    bella e... simpatica
    piaciuta
    smack
  • loretta margherita citarei il 24/06/2009 19:29
    sorbole al quadrato piaciuta
  • Vincenzo Capitanucci il 24/06/2009 17:09
    Unione
    di
    Cesaroni

    retorica figlia dell'umiltà... un applauso Cesare... sarò anche io un... ah ah..
  • Anonimo il 24/06/2009 16:55
    .. retoricamente.. convincente..
    bellissima
    aurora

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0