accedi   |   crea nuovo account

Morte alla festa

I suoni muovono i corpi
i pensieri volano
le loro ali
si possono vedere
mentre tutto continua
inesorabilmente
e i ragazzi e le ragazze
ballavano
inesorabilmente
per giorni
notti intere
la stanchezza
non esisteva
niente esisteva
ma uno si accasciò
e non si svegliò
più

pagine su pagine
parole e servizi
non servirono a niente
la morte alla festa
era venuta
e l'aveva portato via
addio

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Salvatore Mercogliano il 02/09/2009 22:49
    molto bella, contrasta con la realtà.
  • Anonimo il 26/06/2009 14:31
    la musica finisce... la festa lentamente va scemando nella pesantezza della realtà... paure infestano l'atmosfera e la signora con la falce in agguato... sentita e schietta... piaciuta perchè fa riflettere
  • stefano manca il 25/06/2009 23:06
    la realtà irrompe nel sogno... bella
  • laura cuppone il 25/06/2009 21:34
    "... non serve colpirla nel cuore perchè la morte mai non muore..."

    mi ricorda un po' "La maschera della morte rossa" di E. A. Poe

    non invitata diviene l'ospite d'onore...

    ma se si pensa che... a volte la sua ricerca é inconscia... si deve anche fare i conti con la sua venuta... purtroppo... puntuale.. o sempre in anticipo...

    alle feste che oggi "allietano" le menti dei ragazzi... annoiati, incazzati, alla ricerca sempre di una individualità... conformata alla triste società... la morte partecipa e attende che qualcuno esageri nel voler "vivere" l'attimo di stordimento... l'attimo del dimenticare... o del sentirsi protagonisti...

    bella poesia.. realista e dissacrante.. oltre che profondamente triste.

    ciao aleks
    Lau
  • loretta margherita citarei il 25/06/2009 15:00
    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0