PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Confuso

occhi chiusi
respiro profondo...
via
tra i mei pensieri
volti di persone sconosciute ma...
familiari
trame di concetti sbagliati ma al loro tempo esatti
desideri e speranze che si associano a delusioni frammentarie
voglia di una vita normale
sentimenti repressi per la troppa paura di farsi male
amici d'infanzia... piccoli amici con pochi denti
fermo.
La mente mi assale
combatte col cuore
e l'anima mia non si da pace
Perche non lo capisce?
perche non so farlo capire?
Incubi notturni di un giorno senza sole
paura di aver paura... e io ho paura
corro veloce fra le pagine sbiadite della mia mente
e cado su pagine strappate di pezzi di memoria vuoti..
pezzi di vita cancellati
cosa c'era?
Imaggine di una lei...
ma non so chi sia...
nn la vedo..
ma è li..
davanti a me...
non la vedo
non la vedo
persa... fra la nebbia...
in una coltre di fumo bianco
che offusca la mia mente
e mi riporta lento
ad un malinconico riposo.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Aldo Occhipinti il 15/11/2008 02:39
    vedo l'immagine d'una donna che sfugge lontana, nella nebbia. bello il ritmo del testo: nervoso all'inizio e delicato sul finale.
  • Adriano Di Carlo il 05/10/2006 14:44
    dubito che qualcuno studi prima di scrivere poesie. ma più sono armoniche ed incisive, più il messaggio è lineare. era solo un consiglio. cryback
  • alessandro cittadino il 04/10/2006 21:42
    nn credo il ritmo sia tanto smorzato... forse in qualche verso...
    e poi bu... le mie opere sn puro istinto... mica ho studiato o mi metto d'impegno... naturalezza al 100%
  • Adriano Di Carlo il 04/10/2006 15:54
    ciao, io direi che più tutto d'un colpo, si legge solo per arrivare al finale. fino all'ultima decina di versi, la poesia ha un ritmo smorzato ed illegibile. non è poesia ma pensieri resi poesia forzatamente. il finale è ottimo, ma fa media col resto. cryback
    p. s. rispetto alla paura della paura, leggi "il dialogo" parla anche di questo, non è poi così lungo
  • alessandro cittadino il 01/10/2006 00:20
    ti ringrazio!!!!! nn mi sciupero!!!! :
  • DANIELE CREPALDI il 29/09/2006 16:32
    ho letto tutte le tue opere... sei giovane, promettente, sveglio... ok, vai così, non ti sciupare
  • alessandro cittadino il 20/09/2006 15:52
    grazie...
  • Argeta Brozi il 20/09/2006 09:31
    Questa poesia va letta tutta di colpo, con la frenesia di chi vuol conoscere la fine e fino all'ultima riga rimane col fiato sospeso come davanti ad un film thriller... è così che l'ho letta e così che l'ho apprezzata. Bravo, è molto bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0