PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fiume

Silenzioso scorre il Fiume,
fra le arse e amiche sponde,
seco portando del contado,
e stenti e gioie;
or qua lento andando,
oltre l'ansa più correndo.
Io lo guardo e struggo,
e con Lui navigar vorrei,
verso l'oblio.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • alberto accorsi il 01/11/2009 17:11
    Carina ma la trovo un po' "ottocentesca".
  • Pablo X il 16/07/2009 09:38
    Lo scorrere della vita rappresentato dal fiume
    ottima poesia
  • Anonimo il 07/07/2009 15:24
    Come giustamente dice Marcello, i fiumi non muoiono, ma mutano la loro natura ed iniziano nuova vita. Grande, immensa, ed anche salata. Che sia il sale di una nuova dimensione? Bella, Bruno.
  • augusto villa il 03/07/2009 23:23
    Parla da se'...
    Posso solo dire che è bellissima... Complimenti Brunooooo!!!!
  • Marcello De Tullio il 03/07/2009 21:34
    Non verso l'oblio ma verso il punto in cui egli raggiunge il mare e da piccolo fiume diventa anch'egli immenso e non cerca l'oblio ma la meta raggiunta.
  • Aedo il 03/07/2009 09:42
    Una poesia bellissima: alla descrizione naturalistica, viene associata l'analisi del proprio stato psicologico, che si può definire malinconico e nostalgico. Bravo!
    Ciao
    Ignazio
  • rainalda torresini il 28/06/2009 18:53
    Non andare verso l'oblio ma continua a narrare in versi...
  • loretta margherita citarei il 26/06/2009 15:11
    scritta benissimo bella
  • Cinzia Gargiulo il 26/06/2009 15:05
    Dolcemente nostalgica. Piaciuta!
    Ciao Bruno...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0