PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Enea

Enea

Va beh! Ma entramo,
si no ce faccio er botto,
levamese da sta zacchera,
te l’offro io n’gotto.
E no signori!
Mettemese a sede.
E quà me ce indinio,
voleva fonnà Roma,
e fonnò Lavinio!?
Ma come scappò de Troia,
cor padre a cecci collo!?
Scappò lassanno quer casino!?
E pe che fa! Fonnà n'paesino!?
E no io alla stroria de la lupa,
nun ce credo.
E quà me state a fa la parte!
A dimme nun è Enea però è Marte.
Me dite la fia de Numitore,
costretta a fa la vestale?!
Ma daje nun scherzamo,
nun me piace, è uguale.
La cosa a me me scotta, a ammette
d'esse er fio, de la stirpe,
de n'fio de na mignotta.
Ho capito, nun t’accorà
e manna giù st’acetella,
si no fai la fine de Remo e le budella.
Va beh! È inutile aggrufasse,
se lo famo n’antro goccetto?
Mo te la ricconto.
Te faccio a ri fa co l’ajetto

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 22/11/2011 15:53
    Un romanesco schietto e puro, con un contenuto veramente bello ed interessante. Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0