PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La dote di un Padre indiano

Per Te
Figlia mia

vendo un rene
all’Occidente

se non hai una cospicua dote

rimarrai
per sempre
una Intoccabile

avrai per sposo il peggior il più disgraziato dei mariti

l’abbandono in solitudine di misero Amore

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 18/03/2010 19:45
    Interessante e ben costruita, Complimenti
  • suzana Kuqi il 30/06/2009 20:44
    il secrificio per i figli e la preocupazione per i loro futuro... ci accompagnano fine alla fine della vita.
    Molto bella Vincenzo
  • Cinzia Gargiulo il 30/06/2009 19:10
    Triste realtà oggi parecchio diffusa.
    Bravissimo Vincenzo.
    Baci...
  • Anna G. Mormina il 30/06/2009 16:38
    ... sono d'accordo con Maria, non è la prima volta che sento di 'questo tipo di vendite'... che tristezza!... molto bella... Bravo Vincenzo!!!!
  • Maria Gioia Benacquista il 30/06/2009 10:33
    Una cruda realtà... sconvolgente.
    La miseria porta a grandi sacrifici e vendere una parte di sé stessi è un grande atto d'amore per un figlio. È il denaro (in questo caso sotto forma di dote) che conta veramente in questo mondo esclusivamente materialista.
    Poveri esseri umani condannati a vita ad essere dei disgraziati e a vivere in condizioni disumane.
    Bravo Vincenzo.
  • loretta margherita citarei il 30/06/2009 06:21
    conosco queste cose che succedoo, ma non solo in india, pochi mesi fa un uomo umbro scrisse su un giornale che voleva vendere un rene. perchè aveva perso il lavoro... la povertà è universale

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0