accedi   |   crea nuovo account

... dedicata...

Bonajurnata!
Buongiorno a ttè oi Clelia,
quant'anni sò passati,
famme sentì
si sempe annammurata?
Io te voglio bbene
comm'e'allora
quanno t'aspettavo
for'a scola.

Scennive e scale,
n'a guardat'attuorno,
appena me vedivi
nu surriso;
parive n'Angelo do Paraviso.
Tenive na faccella
e bambulella
e l'uocchie
ca parevano doie stelle.

Oi Clelia,
sì stat'o primm'ammore!
Che bello ammore,
frisco, spensierato;
e primm'vase
e carezze arrubbate
e o Core ca scuppiava.

A mano dint'a mano
a passià vicin'o mare,
e me n'cazzavo
quann'nato te gurdava.
Tu, ridenno me dicive:
fallo gurdà, che ffà,
l'ammore mio sì ttù.
Oi Clelia,
me prufumat'a giuventù.

Maronna,
quant'ann'sò passati;
famme sentì
si sempe annammurata?
Io si,
t'ho giuro,
forse cchiù di allora.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anna G. Mormina il 05/07/2009 16:54
    Ezio, ti dico la verità... è bellissima (a me in vernacolo piaciono molto) e poi, così tenera che, alla fine mi hai commossa!!!... bravo!
  • Anonimo il 02/07/2009 09:36
    Che bella!!!
    Complimenti, anche se ho avuto un po' difficolta' a leggerla ad alta voce.
    Un abbraccio.
    nel
  • loretta margherita citarei il 01/07/2009 17:26
    mike insuperabile nel dialetto.
  • Anonimo il 01/07/2009 15:55
    che dolcezza, quasi quasi mi commuovo! anzi no, sorrido...
  • Anonimo il 01/07/2009 15:49
    . bella mi ha fatto ricordare le emozioni del primo amore..
    Aurora

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0