accedi   |   crea nuovo account

Le barbarie

Barbari
di una crisi evolutiva

siamo rotti
spezzati
spezzanti

viviamo creando un vuoto assoluto
ancor di più un inferno corporeo

morendo in umanità
ogni giorno di più

distruggendo
decori naturali paradisi
viventi

uomini
animali
piante

la vita
stessa

cercando
nell’angoscia
distruttiva
un alito di preghiera

un sussulto
ciclonico depressivo
espressivo

un centro
chiave
naturale

aprente
fuori da ogni costrutto
nuove semplici dimensioni di coscienza

quella di essere final-mente Uomo

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anna G. Mormina il 02/07/2009 09:55
    ... e l'uomo, con l'aiuto di Dio, riuscirà a distruggere le barbarie!... bella!
  • Anonimo il 02/07/2009 01:02
    unica vera... semplicemente bella
  • Giuseppe Tiloca il 01/07/2009 21:30
    Bella e sentita. Grazie per il commento, l' ho sentita davvero quella mano, è stato molto strano..
  • loretta margherita citarei il 01/07/2009 19:02
    bella capitano ammiro la tua sensibilità
  • giuliano paolini il 01/07/2009 19:00
    è l'incapacità del restare
    il timore che il non agire possa compromettere l'immagine che faticosamente abbiamo costruito e sulla quale abbiamo investito
    il restare cancella i contorni e sfumiamo nel tutto che va dove gli pare
    ma la paura di finire dove non si sa è più forte del desiderio di provare il nuovo. un bacio
  • Anonimo il 01/07/2009 18:25
    .. SI.. SI.. final-mente UOMO
    sei unico
    ciao Vincenzo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0