PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

evito...

EVITO D’INTRISTIRMI


I sogni annientati dal fato
per me scrivono la parola “Fine”
e lo strale fiammante ad arte schioccato
al mio cuore veloce, dirige.

Evito d’intristirmi e serena mi fingo
tra le novelle erbe dei prati
nella luce del sole sciolgo la pena
pronta a lottare i nembi schierati.

Smessi i pavidi panni di ieri
di funambolo, indosso la maschera
e intrepido avanzo sul filo

teso, lassù, alto nel cielo
dove non arriva suono
e un castello non è che un tugurio.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 04/07/2009 09:27
    Bellissima... Patrizia... visto dall'alto... tutte le costruzioni umane... sembrano insignificanti... e lo sono...

    la fine... può essere un inizio...
  • Anonimo il 03/07/2009 23:05
    Molto piaciuta. Monica
  • loretta margherita citarei il 03/07/2009 20:24
    scritta bene

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0