accedi   |   crea nuovo account

U culu

Quannu u viru,
A testa a focu mi pigghia,
‘nnavi i tutti i forme,
beddu tunnu o a mannulinu,
‘chiù ghiautu o ‘chiù basciu,
c’è ‘cu naca tantu e ‘cu
mancu u movi,
ma ‘pe l’omu stati cetti,
‘ca su manciria a fettini.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/05/2012 23:48
    molto apprezzata complimenti

11 commenti:

  • Anonimo il 19/05/2012 23:48
    simpatica poesia complimenti
  • Anonimo il 10/07/2009 17:13
    fatta doccetta????
    zimpatttica...
  • Cinzia Gargiulo il 08/07/2009 15:30
    Sì per fortuna c'è la doccia fredda... ne servono molte d'estate... con l'esposizione di culetti al mare come fareste????...
    A presto Giusè... e corri a fare la doccia... fa caldo...
  • Giuseppe Bellanca il 08/07/2009 15:24
    Per fortuna che c'è anche la doccia fredda altrimenti sempre incendiati siamoo!!!
    grazie Cinzia
  • Cinzia Gargiulo il 08/07/2009 15:02
    Oh!!! Sto imparando il siciliano... questa l'avevo capita bene anche senza traduzione...
    Ti va la testa a fuoco è Giusè???... Ho idea che succeda a parecchi...
    Bravissimo!!
    Baci...
  • Giuseppe Bellanca il 07/07/2009 20:06
    Grazie Kate e Dolce...
  • Anonimo il 07/07/2009 19:44
    molto molto simpatica!! Bravo Giuseppe
  • Dolce Sorriso il 07/07/2009 16:41
    simpatica
    piaciuta
    bravo Giu
  • Giuseppe Bellanca il 07/07/2009 16:02
    Traduzione.

    Il culo:

    Quando lo vedo
    la testa a fuoco mi prende
    c'è ne di tutti i modi
    bello rotondo o mandolino
    più alto o più basso
    c'è chi lo muove tanto e chi
    neanche lo muove
    ma per gli uomini state certi
    che se lo mangerebbero a fettine.
  • Giuseppe Bellanca il 07/07/2009 15:58
    grazie Loretta
  • loretta margherita citarei il 07/07/2009 15:20
    sei straordinario, bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0