PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Romolo

N’somma nun me credete,
pare c’addirittura,
e qua c’è scritto lo vedete!
Che nun è lui a aveje dato er nome,
nun ce credete!
Mo ve dico come.
Er nome prima de lui,
a trovallo hai voia!
Nipote de Eracle,
de Italo dell’enotri,
o de na fia de Troia.
Perciò nun è detto, che è
pe merito suo
che semo romani.
Potemo esselo puro,
pe Telefo, pe l’enotri,
o pe na schiava de li Troiani.
Me potrai dì che fù lui,
a dà a li patres quarche seggio.
Ma ce poi crede che li dei,
lo portorno n’cielo pe fallo divino,
e a Proculo jè apparso n’sogno,
come er Dio Quirino?!
E qui chi ce studia,
pe capicce,
né mica na mezza carzetta!
Namo sor maè portece,
n’antra fojetta.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 12/11/2014 16:36
    Il vernacolo, ci fa sentire vivi con la gente d'intorno, e questo è un perfetto esempio, e nun capisco l'ignoranza che non ha creanza e te ha lasciato solo soletto ar sol der Tevere.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0