accedi   |   crea nuovo account

Solitudine

questa è l'ora della solitudine
silenziosa s'appresta una luna
ed un leggero rosso cremisi
disegna l'orizzonte sovrastato da nuvole nere

solo

lo sguardo si perde in quel nulla
ed i pensieri si tramutano in lacrime
non vive un perchè solitario
nudo è il mio pianto e abbandono il mio cuore

straziante

come potrò dissetare l'anima mia
avida d'amore
in questa solitudine compagnia
attendo un richiamo od un cenno

ma il pianto accenna soltanto
anche lui se ne va senza rimpianto
così questa sera son solo
senza un amore in attesa

ora son qui trepidante
che una donna per caso
s'appresti e si doni
darei tutto me stesso

per vincere questo terrore

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Andrea Contenti il 31/03/2010 03:20
    Solitudine... a volte fida compagna, sicuro rifugio, ma spesso anche crudele despota della nostra esistenza...
  • loretta margherita citarei il 10/07/2009 06:07
    bellissima sorbole
  • Vincenzo Capitanucci il 10/07/2009 04:37
    splendida Cesarone... non ti si può... lasciare un attimo solo... e vai in terrore... per mancanza d'Amore...

    Ma un poeta vive... fa sue le emozioni... del corpo-anima di tutti...
  • Anonimo il 10/07/2009 00:02
    piccolo capolavoro di intensità 5 stelle

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0