PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Scètate!

Ma che razze d' epoche è mai chesta.
L'omme s'è perduto all'egoismo.
se mette paura do' Ddì' suoje
struppeo 'o straniere, e 'o chiamme eroismo.
arrobbe 'ncoppe 'a famme ell'ate
e se sente pataterne mièze a' ggente.
l'ammore è 'nu cunzùme senza sentimente
so' ccose strumentale, so' stupro,
e po' se va ricènne ca' colpe è de' fetiente
e nun se rende cunte ca' isso è 'a ggente.
Allucche: affunnate e barche,
schiaffatele 'ngalere e gialle e nire e marrucchini,
so' chille e guaie nuòste: so' e clandestini.
Se 'nzerra dint'a casa pe' campa' sicure
'o vicino è 'nu nemico, nun salute pe' paure.
se fa strunzià do' benessere virtuale
ma int'a sustanza avverte che sta male.
'A colpe è de' nemici del padrone
e l'omme cade facile cumme 'nu coglione.
Scetate! si vuò bbene e figli tuoije
stu' suonno te porte inta ruvina, inta nullità.
Piglie cuscienze, si omme, e a tene' 'a dignità
sul' accussì , 'overe fai parte dell'umanità.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Donato Delfin8 il 21/12/2009 20:32
    Piaciuta
    Ciao Buone Feste
  • bernardo gentile il 19/07/2009 19:20
    p. s: e scaglia una sfida provocatoria.
    ciao
  • bernardo gentile il 18/07/2009 21:14
    poesia che incalza l'attualità piena di intenso sdegno.
    ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0