PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Atto Unico

Le sentinelle di questo giorno mordace
apporranno lasciapassare allegramente
a tutte le carte da gioco
a tutte le pedine della scacchiera
a tutti i coni e trapezi
dei giochi dejà-vù insistenti
e delle nuove piastrine appese
a colli nuovi di zecca

Pertanto...
Tra vari ed eventuali
Nomi
pronunciati a stento da queste bocche
che ricamano il mio sembiante satellitare
non avrò il sano e intellettivo intuito
per controllare a fondo il loro
principio
nè le sillabe appresso
nè la loro gracile permanenza toracica
nè lo scorrimento plasmatico delle loro dune
immerse silenziose tra i miei fondali

Titanica fatica la Gioia
non se si presuppone
non se si coglie appena
nè se la si anela come giglio di vulcano
ma se diviene parte d'una costante epistola finale
d'un dramma ad un Atto Unico
e seriale

Comporterà comunque assicurarsi
che le scene siano pronte
che i costumi rivestano le forme algebriche
che le parti occupino memorie e situazioni
che i sipari si aprano
contemporaneamente

Ora il silenzio
d'un occhio acceso al centro
d'un liscio e consunto legno
e la figura mesta a respirare vetro
e sorridere lasciva alle norme dell'Anima
senza ricordo alcuno
ma solo enfasi d'una esistenza alata
da un ramo secco sorretta
dal suo spezzarsi
volare disattesa.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • laura cuppone il 15/07/2009 00:42
    ecco l'occhio dolcissimo d'un maestro d'arte
    che sorge dai suoi stessi colori tavolozza
    e tela dal pennello
    non colore...
    grazie osservatore ed osservato stupore.

    un abbraccio nico
    laura
  • Nicola Saracino il 15/07/2009 00:28
    Ecco, una costante epistola finale accompagna il tuo frugare fra le parole e le riordina come un ramo vivo sorretto dal suo unico atto di ancorarsi. N
  • laura cuppone il 12/07/2009 22:40
    la gioia é il pasto nudo d'un tempo misurato... o semplicemente una siepe dalla quale tra poco vedremo il sole...
    non si afferra se non dentro la propria pace interiore...
    non si perde se non nella dissoluzione dell'idea in azione...

    la gioia é dentro
    come l'Amore.

    grazie!!!
    Laura
  • Anonimo il 12/07/2009 03:13
    .. bravissima come sempre Laura.. la gioia e' dentro di noi
  • Vincenzo Capitanucci il 12/07/2009 03:04
    Titanica fatica la gioia... il giglio di un vulcano innato...

    Bellissima... Laura... un Visto... d'eternità...
  • loretta margherita citarei il 11/07/2009 13:37
    la gioia va cercata in noi stessi, fantastica come sempre

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0