accedi   |   crea nuovo account

LA SAPIENZA E LA PAZZIA

LA SAPIENZA E LA PAZZIA

Un giorno la sapienza disse alla pazzia :
“Nun te sopporto più cara sorella mia,
‘na vorta eri un pochino limitata,
mò ner monno te sei troppo sviluppata.

Agisci senza più nessun ritegno
ed ogni giorno passi sempre er segno.
La cronaca è piena della tu’ azione:
omicidi, furti, stupri e stragi a ripetizione.

Nun c’è tregua, nun c’è più respiro,
te servi financo della violenza dell’emiro.
Cerca de stà tranquilla pe un po’ d’anni
e lassacce venì fora da tutti questi affanni!”

La pazzia rispose in tono assai severo:
“ È l’omo che me cerca, questo è vero,
è lui che s’è traviato da tant’anni
e nun vò stà dentro a li su’ panni.

Cerca er piacere e danaro a profusione
e questo lo porta a fa ‘na gran confusione.
Pe cui tra la sapienza e la pazzia
sceglie sempre me sorella mia! “

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • matteo picuti il 29/12/2009 15:03
    bella, vera e ispira anche un po di sollievo
  • EKIPS _ il 02/01/2008 00:44
    Ottima! Molto chiara, simpatica e veritiera!
    Un saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0