username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

provo a chiamarla ma non ho voce

Distratte sensazioni di una sera,
ritrovo voci che non ho scordato,

Nel cuore un urlo che trasale
di rabbia odio e furia animale.

Chissà se in me qualcosa è cambiato,
cerco risposte
ma non ho domande.

Cerco le funi che dovevano sorreggermi,
e scopro di averle già tagliate.

Nel cuore ora il nulla fa da padrone,
nella mente vagano i pensieri incerti,

Più volte ho cercato di reagire
ma come al solito nel buio
son tornato a vagare.

Piove su questa mia anima
offuscata dal male che mi divora,

Sento lontano ancora un urlo,
provo a chiamarla,

ma non ho voce!

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • sara meneghello il 15/09/2012 06:23
    la fiducia e l'aiuto... sono cose che ci dovrebbero sempre essere. e poi questa poesia è bella per questo. forte, coinvolgente. e scritta con coraggio. Bravo!!!!
  • paolo veronesi il 16/05/2010 11:47
    Quando meno te lo aspetti ritroverai la tua voce e t'accorgerai di non averla mai perduta, questi tuoi versi ne sono la conferma
  • Vincenzo Capitanucci il 24/01/2010 17:30
    Bellissima Ivan... un grido senza voce... nato nel cuore del nulla... di una forza immensa...

    Buon compleanno... Ivan...
  • loretta margherita citarei il 12/07/2009 06:45
    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0