PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Alice.

Il sole sorge molle come un tuorlo sbattuto
un cielo grigio spadella due nuvole
fiato di angeli e bianconigli
assi di cuori e spavaldi re di picche.

Alice sta sul crepuscolo di un’alba
come un rossetto sbavato sul nascere mattutino di un colore pacchiano.
Corpo nudo e pallido appollaiato sulle sue pene insonni
come ombre Alice è solo una sottile la figura.

Gabbia di certezze, la mano senza peso chiude con una carezza
la porta e la incatena.

Due giri di chiave.

Alice guarda la caduca ombra di ciò che fu,
la lei ossuta nello specchio ovale vede l’altra deformata e grassa,
che ondeggia sfinita puzzando di sigarette e digiuni.


Un gruppo di topi corrono in tondo,
tribù di fogna
adulando il macabro far di lei cancrena.

La benda agli occhi è fantasia
un torrente di montagna,
una corona da regina,
un lungo velo bianco,
la sottile dama bianca che fugge dalla scacchiera.

Per l’ultima volta è sognare.

Sono livide le labbra, come viole d'inverno.

Una gazza ladra lascia cadere l’orecchino
e si mette a cucire con cura l'ultimo abito
garza opaca senza pieghe a lenire il dolore di quegli anni passati a sparire
piano, piano.

In un attimo, Alice insegna all’anima a star muta,
tra le scapole appuntite e il profumo dei girasoli
svevstendosi della vita come se non vi fosse altro modo per
continuare ad indossarla.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 01/03/2010 14:21
    Profonda come un abisso, fin troppo umana.
  • Dolce Sorriso il 14/07/2009 16:08
    che dire... bella
  • rainalda torresini il 14/07/2009 15:30
    hai espresso in modo sensibile e profondo un grave e incompreso problema dei nostri tempi. Brava!
  • Anonimo il 13/07/2009 18:13
    Bravissima!
    I miei complimenti per questa poesia profonda che parla di un tema sentito e che, mio malgrado, comprendo bene... Sensazioni descritte in modo magistrale e coinvolgente in una forma corretta.
    Brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0