PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

consij pe chi vole amà

L’amore è strano,
se volemo paragonallo,
assomja ar cibo
che magnamo.
A vorde ce lascia digiuno,
c’arsecca anche er core,
nun se fa vivo
anni, jorni e ore,
de issu cemo fame,
come ce serve er pane.
E quanno semo disperati.
che manco più ce speramo,
s’arpresenta, piannoce pe mano.
Allo ce sedemo soddisfatti
a sta tavola imbandita.
der core arrempemo li piatti,
li bicchieri cormi de vino,
ce pare de parlà cor divino.
Er fatto è che quanno
se satolla l’amima.
nun ce ricurdamo de a passata pena,
e succede a vorde che pe ingordizzia
ne facemo de issu na tristizzia,
lu sciupamo, ce ne fregamo,
nun lu curamo.
Saggio invece è quell’ome
che ne capisce er valore,
che nun se intrippa con l’amore,
se lo gusta piano piano,
facendolo scivolà dorcemente
drendo ar core.
L’amore come nu fijo va trattato,
cià bisogno d’esse amato,
nun deve da esse sciupato,
se no fugghia via e se svilisce.
E quanno s’armane soli
se capisce,
der danno che emo fatto,
s’armane a gurdà er voto der piatto,
s’arcumincia a suspirà,
sol de lacrime e de rimpianto
ce armane de campà.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anna G. Mormina il 14/07/2009 18:06
    ... molto bella, brava Lory!
  • Giuseppe Bellanca il 14/07/2009 13:55
    Bella davvero, parole sante le tue... ciao Loretta. Sei grande!!
  • Vincenzo Capitanucci il 14/07/2009 07:15
    Bravissima L'or... se lo gusta piano piano... facendolo scivolare... dentro al Core...

    Paragonallo... ad un San Gallo... che riso...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0