accedi   |   crea nuovo account

Lascia che Io sia

Lasciami andare,
estirpa le radici
dal mio nido,
perchè possa farsi
culla dei nuovi giorni.

Lascia le mie mani
libere di plasmare il vento
perchè possa farsi
carezza delle nuove notti.

Lascia il mio respiro...

Lascia che sia ancora
capace di parole
tra la voce e il bacio.

Non aggrapparti
alle mie vesti
sospeso tra il cielo
e le morbide colline,
perché i miei passi
possano ritrovare
sentieri di margherite.



Lasciami per sempre
adesso,
libera le stanze dell'anima
dall'odore del silenzio.

Lascia che sia ancora
perchè io ti possa perdonare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • Anonimo il 21/07/2009 10:52
    Tanto pian piano me le leggo tutte
  • Ruben Reversi il 16/07/2009 15:19
    Molto bella e struggente nella sua memoria d'amore.
    Bravissima AngelA. Ruben
  • Ada FIRINO il 15/07/2009 13:27
    Molto bella... davvero bella!
  • Ezio Falcomer il 15/07/2009 11:06
    grande afflato di liberazione e di addio.
  • ANGELA VERARD0 il 15/07/2009 10:52
    grazie a tutti!!!! un abbraccio
  • Donato Delfin8 il 15/07/2009 08:35
    Molto bella.
  • Ruben Reversi il 15/07/2009 06:33
    versi di malinconia struggente di memorie e nostalgia.
    Veramente brava nelle emozioni che riesci a trasmettere. Ruben
  • Vincenzo Capitanucci il 15/07/2009 06:30
    Possano ritrovare i mie passi... sentieri di margherite...

    Bellissima... Angela... libera le stanze dall'odore del silenzio... lascia che io sia... il vento dell'Amore...
  • Shabui. il 14/07/2009 20:10
    Alcune volte il passato è molto difficile da eliminare, troppo pesante, troppo duro e noi abbiamo troppo poco tempo e poche forze.
    Piaciuta ed amata.
    Saluti.
    Shabui
  • Andrea Zotta il 14/07/2009 17:05
    Amore e perdono.
  • loretta margherita citarei il 14/07/2009 13:18
    molto bella 5 stelle
  • Dolce Sorriso il 14/07/2009 12:07
    che bella questa tua poesia
    piaciuta molto
  • rexia argento il 14/07/2009 11:51
    implorare di poter esistere ancora, chiedere di essere ancora. chiedere di poter tornar a parlare. chiedere di poter mettere di nuovo una gonna di ctone avolazzante su n prato e poter raccogliere margherite. (COMPRENDO E APPREZZO)
  • ANGELA VERARD0 il 14/07/2009 10:43
    audere semper è certamente il mio motto... vivere e giammai solo sopravvivere
  • Dannunziano _ il 14/07/2009 10:38
    mai voltarsi indietro... si diventa statue di sale... sempre guardare avanti... MEMENTO AUDERE SEMPER!
  • ANGELA VERARD0 il 14/07/2009 10:35
    Grazie fernando. a volte ci domandiamo il perché non riusciamo ad andare avanti e la risposta è proprio nel passato che continuiamo a trattenere nel presente.
  • Fernando Biondi il 14/07/2009 10:32
    la ricerca del proprio spazio, del proprio essere per amare e perdonare, bellissima poesia, ciao,
  • ANGELA VERARD0 il 14/07/2009 10:14
    sono contenta di averti salvato e... per le povere zecche direi che forse, come noi, amano il veleno
  • Anonimo il 14/07/2009 10:06
    Piuttosto che regalare cinque stelle mi farei sgozzare, per questo potrai dire di avermi salvato la vita.
    Se le zecche sapessero della qualità di noi uomini, invece di succhiarci il sangue si darebbero alla birra.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0