PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

U pendulu.

Chista iè ‘na cosa seria,
‘na cosa pì fimmini,
nun ciè nenti i ridiri,
i masculi u vaddanu
così pè comudu,
ci dannu ‘na vardata
iè basta.
Pa fimmina è
nautra cosa è diversu,
idda su vadda,
tutti l’ori sunnu
boni,
ma l’ora cha
‘ncanta a fimmina
sunnu dui
i sei e menza
ci fa tanta tinerezza,
u varda cull’occhi duci,
china d’ammuri,
u carizza e ci fa
i coccoli,
iddu si inchi
d’urgoglio e move
i lancetti e i cursa
sona menzu iornu,
e chista è l’ura
‘ca fimmina s‘infiamma,
‘na vampira iè diventata,
u pigghia in
tutti li maneri,
sfruntata u pigghia
a corpa, u sventuratu
s’arrenni adduluratu
e cianci,
povereddu tornanu
i sei e menza, l’ora
du riposo e di carizzi.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • GiuseppeCristiano Merola il 01/09/2010 01:05
    IL dialetto il miglior modo di scrivere una poesia con la quale si vuole lasciare un segno... bravo... Qnd la leggi suona anke bn
  • salvo ragonesi il 11/08/2010 19:12
    molto divertente Questo è quello che ci vuole per farsi 4 risate. bravo ciao.
  • Giuseppe Bellanca il 31/07/2009 15:28
    Grazie a tutti del vostro passaggio... non so che ora erano comunque è sempre bello suonare l'ora...
  • Anonimo il 31/07/2009 14:51
    I megghiu ruluggiara sunnu li fimmini.
    Quannu pigghhianu 'manu li pennuli l'aggiustano sempri.
    Ca ritta o ca riversa l'arrinescinu a mettiri addritta.
    E poi, quannu lu fannu moviri di 'cca e di 'dda,
    sippuri batti contru li sferi nun li rumpi,
    picchi nun sunnu di cristallu.
    Ma nun tutti li fimmini c'annu li manu pisanti.
    Vi sunnu chiddi cchiu dilicati chi lisciannulu di sutta finu 'ncapu
    lu fannu pulsari a tal puntu chi a mezzuiornu,
    comu si fussi mezzanotti,
    fannu abbiriri li iochi ri focu.
    Vito I Song ahahahah
  • nicoletta spina il 17/07/2009 23:40
    Mi ha fatto ridere... è simpatica e divertente! Grazie per avermi donato un sorriso!
  • Cinzia Gargiulo il 17/07/2009 23:04
    Stai diventando il re dei doppi sensi Giusè!!!...
    Fortissima!!!... E grazie per la traduzione, senza come Flo non avrei capito 'na mazza!!!...
    Bacioni... e mi raccomando ricordati di regolare l'ora del pendolo!...
  • Sabrina Ginaldi il 16/07/2009 20:27
    Che forte!!!!!!!!!!!!!! Si Si, è divertente!!!!!!!
  • Anonimo il 16/07/2009 12:09
    Sei tremendo Giusè!!!! Davvero divertente
  • Aedo il 16/07/2009 11:20
    Bellissima e divertente poesia, ricca di sano umorismo. Essendo siciliano, l'ho potuto gustare in originale. Comunque, hai fatto bene a presentare la traduzione, permette ai non siciliani di comprenderla pienamente. Ancora complimenti!
    Ciao
    Ignazio
  • Dolce Sorriso il 15/07/2009 10:50
    adesso che ho letto la traduzione... ho le idee più chiare,
    hai fatto bene a tradurla
    grande Giu
  • Anonimo il 15/07/2009 00:06
    grassie giuze... bedda...
  • Giuseppe Bellanca il 15/07/2009 00:01
    Traduzione -
    Il pendolo.

    Questa è una cosa seria,
    una cosa per donne,
    non c'è niente da ridere,
    gli uomini lo guardano
    così per comodità,
    gli rivolgono uno sguardo
    e basta.
    Per la donna è
    un'altra cosa è diverso,
    lei se lo guarda,
    tutte le ore sono
    buone,
    ma le ore che
    incantano la donna,
    sono due,
    alle sei e mezzo
    gli fa tanto tenerezza,
    lo guarda con gli occhi dolci,
    piena d'amore,
    lo accarezza e gli
    le coccole,
    lui si riempie
    d'orgoglio e muove
    le lancette di corsa
    suona mezzo giorno,
    e questa è l'ora
    che la donna s'infiamma,
    una vampira è diventata,
    lo prende in
    tutti i modi,
    svergognata lo prende
    a botte, lo sfortunato
    si arrende pieno di dolori
    e piange,
    poveretto ritornano
    le sei e trenta, l'ora
    del riposo e delle carezze.
  • Anonimo il 14/07/2009 20:35
    ... nn ho capito na mazza... ma è un problema mio... nn sono zicula...
  • loretta margherita citarei il 14/07/2009 20:33
    ne ho intuito il senso bravissimo
  • Anna G. Mormina il 14/07/2009 20:22
    ... picchì lu sensu po' è unu sulu... e diventa "sensu unicu"...
  • Anna G. Mormina il 14/07/2009 18:42
    ... menu mali ca po' c'è l'ura du riposu e di carizzi...
    Pè cu 'sti duppi sensi attentu ca si ti 'vidinu li viggili, ti pglianu na 'multa'... eh-eh-eh!!!
  • cesare righi il 14/07/2009 16:08
    faticosa lettura, ma il problema è mio, e fantastica poesia da 5st

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0