accedi   |   crea nuovo account

Un bambino mai nato

Offrimi il pane fragrante,
una buona cioccolata calda,
con un sorriso, al mio risveglio.
Fammi ascoltare,
le canzoni disperate di Brèl,
le poesie d'amore di Neruda.
Stringimi forte al tuo seno
per non perdermi!
Parlami del mio io che non conosco,
del mio io che tu conosci,
radice di sangue
che vibra, inerte, nel tuo utero.
Accenna con passi di danza frenetici,
un Sirtaki egeo,
nelle sere d'inverno, nella malinconia,
suona al piano, le struggenti note
dell'Adagio di Albinoni.
Parlami ancora... del mio non essere,
delle mie labbra senza parole,
dei miei occhi senza luce,
del mio cuore senza battito.
Parlami ancora...
del mio Nulla senza domani!

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Ruben Reversi il 17/07/2009 16:05
    grazie Angela per la tua sensibilità. Ruben
  • ANGELA VERARD0 il 15/07/2009 10:38
    cinque stelle! molto bella
  • Ruben Reversi il 15/07/2009 07:22
    Sono d'accordo con te Floriana è il sentimento materno immortale che ho voluto
    proporre in questa mia poesia. ciao. grazie Ruben
  • Anonimo il 15/07/2009 07:16
    bellissima, tocca nel profondo, nato o meno, l'amore della madre non cambia, mancheranno carezze e sguardi... ma l'amore no...
  • Vincenzo Capitanucci il 15/07/2009 06:09
    Ne me quitte pas... bambino divino...
  • Ruben Reversi il 15/07/2009 05:51
    Ho voluto narrare l'amore indissolubile tra un bambino anche se non nato e la madre che vivono nonostante tutto in simbiosi d'amore.
  • loretta margherita citarei il 15/07/2009 05:49
    bella, molto intensa, piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0