PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

amante

Quale dio,
potrà mai condannare
questo nostro amore?
Se qualcuno
osasse additarci
come ladri d’amore,
solo perché
nel libro dei doveri
è scritto
d’esser fedeli ai rami secchi
che più non ci regalano primavere,
sappia che noi due
ci rubiamo a noi stessi,
e ruberemo ciò che da tempo è nostro.
A me ti toglie
colei che ti possiede
e se tal volta
a lei ti rubo per un ora,
un giorno, non vedo
la malizia del peccare.
È il sentimento che ci lega,
vero, purezza assoluta,
intreccio di corpi, anime e cuore,
il vero peccato
sarebbe non amare
questo nostro amore.
.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • Grazia Denaro il 20/01/2012 17:28
    Il piacere intenso della trashressione e ben descritto e a volte non si resiste dal recedere ad un amore passionale, bella!
  • Fabio Mancini il 17/07/2009 23:27
    La Chiesa afferma l'indissolubilità del matrimonio con tutte le conseguenze (specie cristiane) per le successive convivenze. Un capitolo, a mio avviso, molto spinoso, sul quale non mi pronuncio, ma che la Chiesa se ne assume tutte le responsabilità. Un tema scottante! Ciao, Fabio.
  • Ruben Reversi il 16/07/2009 15:21
    VERSI MERAVIGLIOSI PER UN AMORE COLTO TRA PECCATO E INNOCENZA. cIAO RUBEN.
  • Sabrina Ginaldi il 16/07/2009 13:17
    ... i rami secchi forse andrebbero tagliati... basta pensare a quanto è bello poter amare alla lauce del sole, e non per un'ora o poco più...
  • Dannunziano _ il 16/07/2009 13:00
    Dimenticavo... Loretta... in risposta a quelli che ti dicono "ponderare"... una sola frase:
    "MEMENTO AUDERE SEMPER!"
  • Dannunziano _ il 16/07/2009 12:59
    Il piacere intenso e stordente della Trasgressione lo si prova solo con un amante... non ci sono altri modi.
  • loretta margherita citarei il 16/07/2009 08:04
    scritta ascoltando lo sfogo di una mia amica che non oso giudicare, la libertà permette ad ognuno di noi fare le sue scelte,
  • Anonimo il 15/07/2009 20:13
    tutto è possibile in nome dell'amore? Tutto è giustificato? Se il sentimento da te descritto fosse realmente puro e vero, avrebbe anche avuto il coraggio di una scelta, dolorosa, certamente, ma dovuta. Non c'entra il libro dei doveri, le persone obbediscono al proprio cuore e alla loro coscienza e si cerca di fare in modo che le cose siano chiare, limpide.. è la strada migliore, sempre.. e poi proviamo a metterci dall'altra parte, forse le cose ci appariranno diverse.
    Qui nessuno fa del moralismo, ma mi trovo concorde con quelli che mi hanno preceduta, in particolare con Vincenzo... ponderare bene.. quando si tratta di persone, di sentimenti...
    un abbraccio
  • Anonimo il 15/07/2009 19:34
    .. senza voler fare del moralismo.. tanto perche non mi piace.. poi perche moralista non sono.. ma le storie bisogna viverle.. sentirle.. Ma l'amore esiste solo
    a primavera?? cosa sono le altre stagioni? ... e possibile vivere sempre e comunque con le emozioni dell'innamoramento??.. sono tante le domande..
    Nessuno possiede niente e nessuno.. l'amore e' vero ha le sue regole.. la passione
    va vissuta.. e allora le foglie secche ( il termine non mi piace) devono cadere dall'albero.. e bisogna avere il coraggio di dire a quell'albero che le foglie sono morte... in tre si sta male... Ci vuole il coraggio di decidere..
    Ciao lor
    si sta male
  • maria caputo il 15/07/2009 16:37
    Bellissima poesia, Loretta, piaciuta la frase: non amare il nostro amore sarebbe un peccato... Aggiungo, però che quando amiamo veramente, sappiamo metterci anche da parte, per non far soffrire nessuno.
  • Anonimo il 15/07/2009 15:13
    meravigliosa... emozione come raggio di sole
  • Cinzia Gargiulo il 15/07/2009 13:07
    Tengo a precisare che non è questione semplicemente di moralismo. Nelle storie a tre alla lunga soffrono tutti e tre... e il vero amore non dovrebbe far soffrire ma donare gioia... Ripeto, punti di vista diversi...
  • Vincenzo Capitanucci il 15/07/2009 12:57
    dubito... anche i rami secchi soffrono... l'amore è fatto di quattro stagioni... non solo di primavere...
    Mi avvicino... concordo con il commento di Cinzia... e di Pietro...
    Forse son troppo moralista... ma ci vedo una verità spirituale...
    Da ponderare bene... questo per il contenuto... per la forma bellissima poesia...
    un abbraccio.. L'or...
  • Anonimo il 15/07/2009 12:34
    Però Loretta, amante è pur sempre un amore a metà...
    Meglio un amore tutto intero e che duri, non pensi?
    Ciao...
  • laura cuppone il 15/07/2009 12:18
    dilemma forse solo idiomatico... il peccato... contraddetto da sè stesso... semmai...

    rubare a un ladro
    togliere a un povero..
    no.. non é amore
    ma donarsi nel male e nel bene
    lo é
    sempre
    qualunque sia la sua forma...
    .. possibilmente senza carnefici
    le vittime sarebbero digiune...
    e tutti siamo e non siamo
    nè gli uni nè gli altri...

    riflessione su un tema dove la riflessione trova uno spazio necessario solo a pronunciare questa parola...

    ciao loretta!
    un abbraccio

    Laura
  • Cinzia Gargiulo il 15/07/2009 11:18
    Bella!!!... Ma perchè tenersi il ramo secco?... Io preferisco tagliare i rami secchi e lasciar sviluppare rigogliosa la pianta... Questione di punti di vista.
    Baci...
  • Dolce Sorriso il 15/07/2009 10:56
    sono senza parole... è molto bella!
    tvb
    Anna
  • ANGELA VERARD0 il 15/07/2009 10:00
    molto bella. brava
  • Ezio Falcomer il 15/07/2009 09:40
    bellissimo tema dell'amore rubarsi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0