PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le stelle indigeste.

Stiamo a cavalcioni,
a cavallo su un moto imperpetuo
lui mi da le spalle,
fredda aria della sera,
'universo gira,
la terra intorno gira, nelle coreografie di dio non capisco mai se
fa corte o è corteggiata.

Si affaccia, alla finestra dei miei occhi,
sul cigolio delle ruote sul asfalto
mai vista così
uno spicchio di luna che scappa
come un fuggire di luce da una porta lasciata socchiusa.

Da quella fessura escono domande,
luci di dentro come fanali
che tagliano a fette la strada.

Alina, ti amo
tossisco,
passato il ponte su quale amore graffito
lasciò il messaggio per la sua amata.

Di gravità, di essere ed esistere,
gli bisbiglio sulla spalla
mentre lui porta la moto.

'E le stelle...'

/ridipingo domande/

'quel brillare che vediamo è già morto
lo sapevi...?'

Non insisto, lui trova le mie inquietudini,
banali
lui vive di pane e razionalità,
Le stelle gli sono indigeste.
E poi… tra il ruomore del vento e la mia voce che grida per farsi sentire,
la sua scelta, già l’ fatta. (molto tempo fa).

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • tanya belletti il 06/09/2011 18:20
    molto bella...
    ...
  • augusto villa il 15/10/2010 23:19
    Parla da sè...è molto bella!
  • Anonimo il 26/12/2009 15:25
    Mi colpisce l'acume nel trovare l'equilibrio tra sensazioni e parole
    Arrivano potenti entrambe
    e ti colpiscono in momenti diversi
  • Fernando Biondi il 16/07/2009 11:50
    ciò di cui abbiamo veramente bisogno è pane e stelle per nutrire il nostro crpo e la nostra anima
  • Anonimo il 16/07/2009 01:03
    Bellissima la parte finale: Non insisto, lui trova le mie inquietudini banali, lui vive di panme e razionalità...
    Versi molto sentiti.
    Sono felice che tu sia tornata
    ho sempre apprezzato il tuo scrivere.
    Ciao Rexia
    Angelica
  • laura cuppone il 16/07/2009 00:13
    é ciò che si mastica davvero... senza inghiottirli... pane e razionalità denotano amaro fortificante limite...
    lasciato alle spalle é invece il sogno dello spiraglio lampante... d'un intuito profondo come il pozzo dove stelle già estinte si specchiano.. e urlano collassando aassordanti "esisto" .. senza essere ascoltate... inosservate.. perenni..

    grande rexia
    come sempre!!!
    Lau
  • Anonimo il 16/07/2009 00:13
    piaciuta
  • Dannunziano _ il 15/07/2009 22:16
    molto carina. brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0