PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

chi ama non giudica

Da tempo
ho cessato di giudicare
i mio prossimo,
di puntare il dito
ed offendere il mistero
umano celato in ogni anima.
Memore sono di quelle
parole accese,
parole di brace,
che dall’Alto
invitano
alla misericordia,
anziché inutili sacrifici.
Taccio davanti al peccato
degli altri, sono io
forse esente dal peccare?
Posso scagliare
la prima pietra,
dire al fratello
della sua pagliuzza,
quando la trave
acceca il mio occhio?
Il giudizio,
spetta solo all’ Eterno,
gli uomini,
come gli alberi,
si distinguono
dal frutto che danno.
Ma non taccio, levo la mia voce,
-non mi asservo ai giochi di potere-
quando vedo
la sottile cattiveria,
fatta con calcolo, che il prossimo
fa soffrire.
E molte volte, di fronte
a così tanta miseria umana,
preferisco, con il silenzio
parlante, testimoniare
il mio dissenso.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Donato Delfin8 il 23/07/2009 13:21
    Piaciuta
  • Fabio Mancini il 17/07/2009 23:21
    Io ho ricevuto altri insegnamenti. Ad esempio, mi è stato detto che chi non denuncia un'azione immorale, o illegale, con il proprio silenzio, diventa complice di chi la commette. Forse l'equilibrio giusto, sarebbe quello di far coincidere, le parole ai fatti. Riprendere chi sbaglia è un atto caritatevole, il che non vuol dire giudicarlo, ma vuol dire farlo crescere moralmente, dandogli anche un modello positivo di comportamento. Perchè altrimenti sarebbe difficile essere dei buoni genitori? Perché bisogna essere coerenti. E loro, i nostri figli, sono abili osservatori. Non è così, Loretta? Ciao, Fabio.
  • Attanasio D'Agostino il 16/07/2009 23:15
    ... con il silenzio
    parlante...
    toccante e profonda riflessione,
    con il cuore che grida in silenzio,
    molto bella, un caro saluto Tanà.
  • nicoletta spina il 16/07/2009 23:04
    Profonda saggezza in questi tuoi versi... chi tace acconsente -dicono- e invece chi tace rispetta e medita. Il saggio insegna in silenzio. Grazie per queste parole.
  • Giovanni... il 16/07/2009 22:10
    Gran bella riflessione, il giudizio e sempre condizionato dall'interpretazione!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 16/07/2009 20:48
    Rispose: Nessuno, Signore. Le disse Gesù: Neppure io ti condanno, va e non peccare più...
  • rita gargaglione il 16/07/2009 19:58
    Brava di forte impatto
  • Anonimo il 16/07/2009 17:46
    Mi sono dimenticato la cosa più importante.. Ciao!!! Piaciuta molto.
  • Anonimo il 16/07/2009 17:46
    Anch'io vivo nell'attesa che nodi vengano al pettine, perché prima o poi i nodi si devono sciogliere.. trovo importate, proprio quando nessuno mi vede e sono solo con la mia coscienza, fare due conti con me stesso, fare la morale di se stessi senza precludersi il giudizio, ma che sia un giudizio nel merito e non nel preconcetto.
    A volte la gente vuole sentirsi dire che ha sbagliato, c'è molta sete di confidenze...
    La citazione che hai fatto del Vangelo è sempre gradita... quante sorprese tra le sue pagine.
  • Anna G. Mormina il 16/07/2009 15:56
    ... molto bella!... brava!
  • Anonimo il 16/07/2009 15:52
    È il moralista che lancia pietre, la persona morale si limita a giudicare sè stessa, e in base a ciò sa anche come meglio comportarsi.. sa assolversi o condannarsi, non ha bisogno di nessun tribunale.
    Quanto alle maldicenze, meglio ignorarle e ignorare chi le diffonde.
  • Anonimo il 16/07/2009 14:56
    bellissima... spesso un giudizio gratuito lacera più di una lama
  • laura cuppone il 16/07/2009 14:22
    sottile.. freccia dall'arco.. scoccata a meno di 24 ore.. dalla prima.. sulla quale non si era.."d'accordo"...
    correggimi se sbaglio, lory...

    bene bene.. così mi piaci proprio a tutto tondo..
    e chi fa moralismo.. comprenderà.. se non é proprio diventato sordo...

    onore al mutismo
    e alla cecità disabile
    della libertà.

    Lau
  • Dannunziano _ il 16/07/2009 12:57
    mi piace i silenzio parlante
    brava! ***** !
  • Vincenzo Capitanucci il 16/07/2009 12:40
    A volte tacere... non è più lecito... se no "Dio è morto"...
    ma la misericordia... ed il perdono... sono di rigore...
    Bravissima...
  • cesare righi il 16/07/2009 12:11
    sempre brava Lo, ma certe volte... cavolo... ci son dei fatti tipi...
  • No Nombre il 16/07/2009 11:37
    Struttura incantevole, bella poesia.
  • Fernando Biondi il 16/07/2009 11:05
    bravissima lor, il silenzio dice più di mille parole, bellissima poesia, non giudicare ma nemmeno permettere che gli umili vengano calpestati dall'arroganza "dal perbenismo interessato/la dignità fatta di vuoto/l'ipocrisia di chi sta sempre/con la ragione e mai con il torto"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0