PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Senza risposta

Teneva poche cchiù e vint'anne a femmena ca spusaje,
uocchie nire curvine, vocche e curalle a' purezza e nu giglio.
Sta femmena era tutto pe'mme, era l'aria ca respirava
o'sole ca me scarfave, a luce ca da a' vita.
E mo ca se ne ghiuta pe nat'ammore, a' gente me
addimanne o' pecchè... je le faccio 'o pizzo a rise
e risponne: "So cosa ca succerene" , ma into, o' core,
chiagne comme nu guaglione!

Ciro Caminiti

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 01/10/2014 23:42
    Bellissimi versi, pieni di pathos per quell'amore meraviglioso che si è interrotto. Molto ben descritta ed emozionante. Complimenti.

3 commenti:

  • Anonimo il 18/11/2009 13:18
    mamma mia come è bella questa poesia. il linguaggio è efficacie e sembra che palpiti: bello il finale!!!
  • Don Pompeo Mongiello il 16/09/2009 11:48
    Bellissima e sentita. Ma non disperare un altro amore verrá, o lei ritornerá.
  • loretta margherita citarei il 16/07/2009 16:08
    la trovo molto bella 5 stelle

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0