PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Corde di violino

Corde di violino
sfiorano appena
fili d’anima invisibili
le sento vibrarmi dentro
e nel cullarmi mi lascio
andare disciolto al vento
polvere di questa terra
esploso nell’abbraccio

ora gl’occhi sono falco
volo in alto baciando la stella
e poi m’appoggio nel legno
dove le corde han vibrato
nella dolce attesa
del nuovo canto

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • debora il 01/01/2015 19:14
    mi piace tutto, ma sopratutto il contrasto che mi suscita in me, tra la fredda stella e il caldo legno, grazie
  • Igina il 02/07/2012 22:10
    Sfiorare le corde del violino è come accarezzare l'animo umano... dolcissima delicatezza che non lascia spazio ad altro... basta solo chiudere gli occhi e lasciarsi andare sognando...! Molto belli questi tuoi versi!!!
  • Anonimo il 10/11/2011 11:51
    meravigliosa metafora bravissimo maurizio...
  • Anonimo il 18/07/2009 00:52
    Da poco sono andata ad una serata di un giovane violinista
    ero magicamente librata in un'altra dimensione, mentre ascoltavo il suono del meraviglioso strumento.
    Leggendo la tua poesia ho rivissuto quel momento
    grazie
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0