accedi   |   crea nuovo account

Il passaggio

In quel momento vidi il disincanto
Terso e sviato nell'opposta cava
un filo di passione e di rimpianto
passava dietro ai fogli e li leggeva
a faccia in giù dove li avevo persi

Nel rivolo profondo si spegneva
l'improvviso piacere di un compianto
vecchio tronco che i canali di linfa
proteggeva soltanto in poche zone
ricoperte con pezzi di cartone

Inaridita mi apparve la sera
nella mia voce diventata roca
per lo sbuffo del mare alle narici
incessante a stemperare il ritrarsi
inorridito delle mie radici

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 31/07/2009 14:56
    ... questa volta lo dico Io: "la morte si sconta vivendo" E
  • Giuseppe ABBAMONTE il 22/07/2009 22:27
    Poesia c'ispira l'esser di passaggio
    e l'aura di tristezza ad esso acclusa.
    Ma si' profondo e' stato il suo messaggio
    che l'attesa giammai resto' delusa.
    Complimenti Nciola
    Giuseppe
  • Giuseppe Bellanca il 19/07/2009 00:12
    Molto bella, imprime forti sensazioni. Bravo ciao Giuseppe.
  • Anonimo il 18/07/2009 00:57
    Versi che regalano sensazioni forti
    sarà che, quel velo di tristezza mi fa compagnia.
    Complimenti Nicola
    Angelica
  • Nicola Saracino il 17/07/2009 18:51
    Immaginifico Vincenzo, ti seguo a fatica... ma non ti perdo.
    Cesare apprezzo la tua decisione molto pratica, dovrei farlo anch'io.
    Loretta... conservati.
    Anna, concordo con la tristezza.
    Vincenzo, sono davvero lieto di rivederti.
    Nicola
  • Anonimo il 17/07/2009 16:32
    Questa è poesia, una carezza dietro la schiena.. gustosa lettura. Ciao!
  • Anna G. Mormina il 17/07/2009 15:45
    ... triste ma bella, molto bella...
  • loretta margherita citarei il 17/07/2009 14:14
    la bellezza non si commenta si conserva
  • cesare righi il 17/07/2009 13:33
    Bellissima poesia, me la stampo perchè su carta ha più valore.
  • Vincenzo Capitanucci il 17/07/2009 10:21
    Tama-rindo... la storia di un albero di vita rovesciato.. berrò que frutti... a faccia in giù... in un sbuffo di mare... inorridito... dal tradimento... tamasico... delle sue radici celesti...
    Stretto passaggio... penso a l'entrata di Petra... il letto di un antico fiume prosciugato... in Giordania... per giungere al tempio.. il tesoro... della figlia del Faraone...
    un abbraccio..
    V

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0