PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

lungo la via dell’anima mia

Vicoli vicoli
avanzo pensando,
tra vecchi anditi,
balconi
e fanali.
Ascolto il mio passo
e il rumore
di vita.
Scendendo scaloni
si fa vivo il mugugno
dell’anima
adesso
romita.
E penso ai calori,
ai dolori,
all’incerto
e all’ambìto.
E penso ai silenzi e
alle urla del cuore,
e penso all’odore,
al tatto filtrato
e poi liberato:
d’amore incompleto
ma dolce
e segreto.
E penso al domani,
all’oggi, all’ieri,
e penso a com’eri,
a come sempre sarai
e a come non sei stata mai.

Vicoli vicoli,

mi vado perdendo e trovando

scendendo e salendo

lungo la via dell’anima mia.

Luglio 2009

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • michela bortolotti il 02/09/2009 11:43
    carina
  • giuliana marinetti il 01/08/2009 08:23
    caro poeta,( come sempre sarai e a come non sei stata mai)
    sentita e piaciuta poesia.
    un saluto Giuliana
  • Anonimo il 27/07/2009 14:31
    lirica intensa
  • Vincenzo Capitanucci il 18/07/2009 05:58
    Bellissima Aldo... vicoli vicoli... vincoli a meandri della mente... guardo... ascolto.. gioisco... soffro... mentre scendo le scalinate dell'anima..
  • Anonimo il 18/07/2009 00:05
    molto bella e sentita

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0