PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Zwei Meissener Waldarbeiter

La regina mia matrigna
ha intimato serafica e benigna
ai due boscaioli di corte
la mia condanna a morte:
che io sia messo in catene e senza protesta
condotto ad una radura nel fitto della foresta
e presso uno stagno fra le canne e le farfalle
e le lame di luce che penetrano al sottobosco,
inginocchiato, e di spalle
io sia trafitto, e mi s’immoli.
Così le piace, così ha proclamato l’araldo.

I due boscaioli
(giacche d’orbace e braghe di fustagno)
mi amano però e questa consegna
li strazia, è una disgrazia, e il reame
intero ora per loro
il luogo odioso e inconfessato
di un dovere che uno disdegna. Li conosco:
il primo è un semplice, e mi è fedele, e l’altro
mi è complice ma non è crudele
a sufficienza. È lo stallo.

Allora io senza soccorso altrui
libero con un cenno
i cani selvaggi e gentili che si accucciano
da sempre nel mio cuore
posato su un cuscino
rosso, al di là di un filo spinato:
e nella baraonda che ne segue
fa capolino il principe agognato
che cavalca il cavallo Mangiabiada
e nella guaina ha Elsacristallo
e per collega il Guardiacaccia.
Lui si piega e guardandomi fisso negli occhi
mi infligge la mia pena a fil di spada.
Non credo che ci sia più grande gioia
del tuo destino che ti abbraccia
(e poi una volta qui
una gioia così chi
la tiene a bada?).

[27062009]

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0